Sviluppo applicazioni mobile

Ecco una guida semplice che spiega i primi passi per iniziare a progettare la vostra App.

1. Definire l’obiettivo

Per qualsiasi progetto, la prima cosa è avere una grande idea e sapere dove si vuole arrivare, è quindi necessario avere le idee chiare.

Per costruire un App che funzioni bisogna sapere chiaramente quale sarà il suo scopo, quali problemi risolverà a chi la scaricherà e cosa migliorerà nella vita delle persone, inoltre è necessario entrare nell’ottica che per raggiungere lo scopo bisogna rimanere chiari e puliti per semplificare la user experience e non perdersi in passaggi inutili.

2. Iniziare a disegnare

Sviluppare degli schizzi chiari dell’interfaccia vi aiuterà in fase di progettazione ad avere le idee più chiare e a non perdere tempo a metà dell’opera.

E’ sempre di aiuto avere tutto sotto controllo fin dall’inizio, in modo da effettuare piccoli cambianti in corso di progettazione ma nulla di più.

3. Fare una ricerca accurata

il primo obiettivo della ricerca è sicuramente scoprire se esistono già altre applicazioni che fanno la stessa cosa, poi scovare idee interessanti da cui prendere spunto per la vostra App e trovare informazioni sui requisiti tecnici che deve avere, infine scoprire come è possibile commercializzarla.

Spesso si pensa di aver avuto un’idea innovativa e sensazionale quando in realtà dopo una breve ricerca si scopre che ne esistono già altre che fanno la stessa cosa. Esistono più di un milione di applicazioni per Android e iOS, ed è per questo che è necessaria una ricerca accurata, perché bisogna scoprire e studiare eventuali competitor e trovare dei plus che la vostra app può offrire agli utenti rispetto alle altre. Bisogna sempre imparare dallo studio delle caratteristiche e degli errori dei vostri concorrenti.

Il momento della ricerca è sicuramente l’occasione giusta per capire se la vostra idea è fattibile o meno, infatti analizzando le caratteristiche delle altre App si ha la possibilità di scoprire se quello che avete in mente è realizzabile o no.

Altra cosa importante da stabilire prima di continuare è il target, avere ben chiara la nicchia di utenti che si vuole avvicinare.

4. Wireframe e Storyboard

In questa fase è il momento di tirare fuori la creatività e provare graficamente come verrà la vostra App attraverso la creazione di mockup o addirittura siti che permettono di provarne un prototipo, come per esempio Moqups, che vi permettono quindi di visualizzare realmente come funzionerà l’App anche con le animazioni che avete immaginato.

La creazione di uno storyboard in questa fase è fondamentale in modo da non perdersi dei passaggi, la cosa importante è che si abbia sempre una via di uscita dalla pagina in cui ci si trova, non si può rimanere bloccati senza la possibilità di tornare indietro o andare avanti, e lo storyboard vi aiuterà proprio in questo infatti attraverso semplici disegni potrete costruire lo schema di base del vostro progetto.

5. Feedback

Arrivati a questo punto bisogna provare effettivamente se il design dell’App funziona e in questo ci aiutano amici e parenti, è sempre utile fare un sondaggio per capire se la direzione presa è quella giusta, spesso chiedere un parere fa la differenza perché quando si ha un’idea si pensa che sia la più innovativa e spettacolare di sempre, ma magari poi non è così.

Ultimate le modifiche in base ai feedback ricevuti il lavoro passa in mano allo sviluppatore che, sempre sotto la vostra attenzione e con l’aiuto del lavoro fatto in precedenza inizia a progettare fisicamente l’applicazione; si entra così nella fase di backend.